Mercoledì. O giovedì.

 

Esco. Sono giorni che non muoio dalla voglia di conoscere qualcuno, se capita non mi tiro indietro, ma di fare i saldi dopo le 02.00 in qualche locale gay per tornare a casa con la finta soddisfazione di essermi slinguato qualcuno, anche no. Forse è l’unico proposito che mi ero dato a fine 2010, e che sto rispettando. Meno quantità e più qualità. Magari se scarseggia la qualità restare sempre sulla meno quantità. Comunque. Ogni tanto vorrei un quasi amico fisso con cui trombare. Sì, quello sì, per sfogare il fisico con un velo di tenerezza. Per non dimenticarmi come si fa. E scopare ore. Non parlo di amore, non oso nemmeno.

Mercoledì o giovedì. Credo dopo il lavoro, questa settimana ho parlato chiaro: niente straordinari. Devo tornare a casa e fare in modo di trovarmi solo con lui, prenderlo in disparte. Papà devo parlarti. Questo ho pensato come inizio, che suona banale e scontato. Ma dirlo senza tremare lo sarà meno.

Forse non capirà, 78 anni. Siciliano. Ma ho deciso che devo farlo per la mia stabilità mentale, non quella immediata. Quella futura. E’ anziano. Potrebbe morire tra qualche anno, e se non glielo dirò, passerò tutta la vita a domandarmi E se glielo avessi detto? Sarei condannato per l’eternità. Ho bisogno di una sua qualunque reazione. Ce la posso fare. Ho ancora qualche giorno di tempo. Per prendere fiato.

Ora vado a ballare Lady Gaga al Bo##o. Almeno non ci penso.

Annunci

5 risposte a “Mercoledì. O giovedì.

  1. A volte i genitori riescono a sorprenderci e, in ogni caso, sarà un atto di coraggio e di libertà. Ne trarrai beneficio, in un modo o nell’altro. In bocca al lupo 🙂

    Michele

  2. Crepi il lupo…sai che ci spero tanto nel tuo “A volte i genitori riescono a sorprenderci”…speriamo..

  3. Pensa solo che tuo padre avrà bisogno di tempo per capire a pieno le tue parole. Io sto vivendo proprio questo periodo della mia vita, ho fatto coming out con lui da poco. Lui l’ha presa – diciamo – bene ma ancora ha qualche difficoltà. Ma lo capisco e cerco di avere pazienza… io ho avuto bisogno di ben 25 anni per accettarmi e volermi bene (sì, lo so, tanto tempo) e non posso aspettarmi che lui capisca invece tutto e subito.

    Insomma, un passo alla volta, verso l’orizzonte 🙂 L’importante è sapere che non siamo soli 🙂

    Un saluto e una buona serata 🙂

    P.s. cerca in rete “Due volte genitori” da vedere in streaming, può esserti d’aiuto…

  4. Inbocchissimallupo caro Anthony. Con tutto il cuore! Anche io non so come dirlo a mia madre(che è giovane per carità, ma credente…). Qual è il segreto? il coraggio sicuramente! Credo anche io che i genitori a volte riescano a sorprenderci! Aggiornaci presto, e dammi l’ispirazione per compiere lo stesso passo che stai per compiere te! un abbracio forte!

  5. Tesoro in bocca al lupo…ricorda che non è dagli altri che devi ricevere approvazione ma è dagli altri che devi pretendere rispetto…tvb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...