Bacio senza Dark

Ieri sera sono andato a ballare in una discoteca gay. E stasera ripeto. Ieri sera è stato un evento più unico che raro non dovendo giocare a p######lo come tutti i fine settimana. Sono andato con Dado e Luca.

Una discoteca con la tessera Arcigay per poter entrare. Altrimenti si resta fuori, o quasi. Speravo non ci fossero donne nel locale. Una decina le ho contate, ma io mi dico: ma cosa cazzo venite a fare in una serata puramente gay con ingresso-con-tessera??? Fortunatamente all’ingresso del labirinto dark una scritta aleggiava sovrana: Le donne qui non possono entrare.

E meno male.

Già, il labirinto dark. La mia serata era programmata per bere un paio di Cuba e passare a girovagare mezzo ubriaco nel labirinto a cercare il Minotauro. Sempre (ovviamente) con tutte le accortezze che la Ragione porta con sè. Sempre con almeno 2 profilattici nella tasca dei jeans.

E poi nelle dark non ci sono manco entrato. Ho conosciuto presto un ragazzo. Mentre ballavamo quelle 2/3 canzoni che mettono per passare in modo indolore dall’R&B all’house-ballabile.

Marco. 29 anni. Di Bergamo. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali. Ha l’aria del fumettista. Non so perchè. Rasato. Barbetta incolta. Occhi marroni. Camicetta mezza aperta. Il genere (stefano?) che esteticamente fa per me.

Fumi?

No. Vuoi che ti accompagno?

Sì grande, non osavo chiedertelo ma non ce la faccio più, devo fumare.

Usciamo a fumare e improvvisiamo con degli sconosciuti un (improbabile) dibattito sui ruoli sessuali nella coppia gay. Mah. Si introduce anche una travestita mista tra Pocahontas e una guerriera amazzone. Marco-il-finto-fumettista mi bacia, mette tanta lingua. Non bacia male ma un po’ sbava. Se la cava con 6 1/2 tendente al 7. Ridiamo e scherziamo. Mi piace come scherza. Torniamo in pista. Avvinghiati. Gli apro tutta la camicia e gli passo la lingua sul petto, lui mi morde il collo. I miei ormoni gridavano Lasciaci sfogare.

Mi infila una mano nei pantaloni, nelle mutande, lo lascio fare perchè era una cosa ingeua, al limite del pudico. Divertente perchè eravamo vicini all’ingresso-labirinto-dark ma a nessuno dei due è passato per la testa di dire all’altro Andiamo a farci un giro?

Bella come cosa.

Si fa tardi, ci scambiamo i numeri. Mi scrive un sms e gli rispondo. Stamattina gli ho scritto io e mi ha risposto. Poi mi ha scritto

Sei troppo…

Troppo cosa? (rispondo)

Mi piaci troppo.

Mah. Vediamo di andare molto piano che a certe uscite affrettate ci credo poco. E stasera ripeto.

Annunci

2 risposte a “Bacio senza Dark

  1. no va bene questa discriminazione femminileeeeeeee!!!! comunque sia neanche io mi fido di quelli che si sprecano troppo fin da subito, sono i primi che si stancano!ti prego facci sapere come va con questo, ciao ciao!

  2. con questo è già praticamente finita (senza neanche iniziare direi 🙂
    le chiamo “bolle di sapone”….belle…si alzano volano…e poi Puff…
    un abbraccio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...