Continuo A Cercare

2230927666_24e5c03939_mE’ un mese esatto che ho inviato il primo curriculum. Il primo dei 126. Li ho contati tutti, compresi quelli svizzeri. Ancora zero posto di lavoro. Mia nipote ha un’infezione alle vie urinarie. C’è del sangue nella piscia.

E ho una vena all’altezza delle tempie che sta per esplodere. No, per esplodere spero di no, ma col caldo e per lo stress del non-lavoro (mamma dice a causa della circolazione), si gonfia e pulsa (ma la cosa bella è che si vede proprio).

Ora: puo’ crollare il mondo ma al mio visino da eterno(?) bimbo ci tengo più della vita e trasformarmi nell’incredibile Hulk proprio non ne ho voglia. Quindi oggi ero con del ghiaccio sulle tempie, accovacciato in ginocchio a convincere la mia nipotina a pisciare in una ciotola di plastica per raccogliere la pipì in modo da portarla alla pediatra.

Ottimo.

Dopo un’ora di attesa, mia nipote ha pisciato, la vena è tornata al suo posto, e sono corso dalla pediatra (non con tutta la ciotola ma ho travasato l’urina in un bicchierino da caffè).

Sono anche andato porta a porta a bussare alle aziende per laciare a mano i curriculum. Sono stati tutti gentili. Bisogna vedere solo cosa se ne faranno con quei curriculum.

Ma sono fiducioso, anche nel film “alla ricerca della felicità” Will Smith ci riesce. Io ho intenzione di fare lo stesso. In comune partiamo entrambi con le pezze al culo.

Lui poi è nero, io frocio. Partiamo dalla stessa posizione di svantaggio rispetto ai maschi bianchi eterosessuali.

Questo fine settimana non sono stato in nessun locale gay. Stefano lo sento sempre meno, mi sono anche rotto i coglioni di cercarlo sempre io.

E mi manca.

Annunci

Una risposta a “Continuo A Cercare

  1. La vera differenza tra te e il protagonista de “La ricerca…” è un altra, caro. E mo ti dò la mazzata finale. Quel film è ambientato in America che, vuoi non vuoi è un paese basato sulla meritocrazia. In Italia senza “la spintarella” non vai da nessuna parte.
    Lo sto vivendo, tu puoi capirmi bene, con la ricerca della casa editrice per quel mio cruccio inedito che so essere fantastico ma che nessuna fantastica (nemmeno media) casa editrice caga. Quelle di merda che potrebbero farmi passare i guai mi cercano manco fossi una star.
    Mi sono scocciata dell’Italia anch’io, sappilo, che a differenza tua la mia massima ambizione è un giorno di svegliarmi e trovarmi bene qui dove sono. Magari amare il mio status di casalinga che non fa un cazzo (a parte scrivere) dalla mattina alla sera. Invidiata da presunte amiche che invece, poveracce, devono lavorare. No, non ti sto dicendo tra le righe che devi cercarti qualcuno che ti mantenga anche se dovesse capitare (e lo ami, logicamente) accettare non sarebbe male. A proprosito d’amore: Stefano proverei a viverlo come un capitolo chiuso, pensare a lui potrebbe compromettere interessi futuri. Logicamente le cose sentimentali non si governano… dunque…dimenticavo! Se vuoi farti una risata su una vera cazzata vai a scoprire il culo mannaro nel mio blog 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...